CASÒN BIANCO

CASÒN ROSSO

CASÒN Bianco
IL GUSTO DELL’ IMPREVEDIBILE

Il vitigno principale da cui ricaviamo il Bianco Casòn è il Viognier, che negli ultimi anni è maturato in modo molto armonioso, sviluppando una spiccata tipicità. Ma nell’uvaggio di questo bianco compaiono anche vitigni come Petit Manseng, Roussanne, Marsanne o Chenin Blanc, tutte uve assai resistenti che si distinguono per i loro grappoli piccoli, spargoli e a buccia spessa. Anche in presenza di temperature elevate, queste uve sviluppano un grado zuccherino modesto e una buona struttura acida, e per noi rappresentano un’integrazione importante nello sviluppo del futuro panorama dei vitigni in Alto Adige.

image for article

2017
CASÒN Bianco
Viognier – Petit Manseng
13 % Vol

Colore

Brillante e limpido, giallo oro

Profumo

Bouquet intenso, aromatico, fruttato (frutti canditi, arance, vaniglia), spezie esotiche, vaniglia, aromi di tostatura

Bouquet

Struttura vigorosa, ricco di corpo, salato, acidità fresca

Abbinamento

Con pesce, crostacei, carni bianche e pollame

Provenienza

Casòn Hirschprunn a Magrè. 230 - 360 metri s.l.m.

Terreno

Sabbioso, pietroso con calce dolomitica

Vinificazione

Fermentazione spontanea in botti di legno piccole e grandi di legno. Contatto sulle fecce di fermentazione, affinamento in bottiglia di circa un anno.

Invecchiamento ottimale

2-10 anni

CASÒN Rosso
RISALIRE LA CORRENTE FINO ALLA SORGENTE

Negli ultimi anni, ci siamo appassionati sempre di più per il Tannat, un vitigno esotico in l’Alto Adige, che nei vigneti si fa notare per il colore rosso dei sui piccioli. Prospera di anno in anno sempre meglio, arriva a piena maturazione e conserva un’acidità incredibilmente elevata, presupposto ottimale per produrre vini rossi d’eccellenza. Dall’annata 2014, le uve di questo vitigno sono la componente principale del Casòn Rosso, un vino che si distingue per le sue note fruttate intense, la sua struttura vigorosa e un’acidità caratteristica.

2016
CASÒN Rosso
Tannat et al.
12,5 % Vol

Colore

Color ciliegia con riflessi violacei

Profumo

Bouquet intenso, fruttato (prugna, mora), note di cuoio, tè e affumicatura

Bouquet

Mediamente corposo, morbido, fruttato, finemente amaro, fresco

Abbinamento

Con carne di manzo arrosto o alla griglia, agnello, selvaggina, formaggi

Provenienza

Casòn Hirschprunn a Magrè. 230 - 360 metri s.l.m.

Terreno

Sabbiosi, pietrosi e calce dolomitica

Vinificazione

Fermentazione spontanea del pigiato, con diverse percentuali di grappolo intero, in botte di legno. Maturazione in botti grandi e piccole di legno. Segue l'affinamento i bottiglia.

Invecchiamento ottimale

3-10 anni

image for article

IL MASO CASÒN HIRSCHPRUNN

Nel 1991, Alois Lageder riuscì ad acquistare il maso Casòn Hirschprunn, un podere con più di 30 ettari di vigneti e con un palazzo storico nel pieno centro storico del villaggio viticolo di Magrè. Considerando i cambiamenti climatici previsti nei prossimi decenni, in quel maso abbiamo sperimentato su vasta scala diversi nuovi vitigni che avevamo cominciato a coltivare già negli anni Ottanta. Ci interessava capire quali di questi si prestassero, in presenza di temperature medie più elevate e di eventi meteorologici più estremi, a conservare le peculiarità stilistiche tipiche dei vini altoatesini. Grazie all’esperienza maturata negli ultimi trent’anni, oggi abbiamo a disposizione una gamma di vitigni eccellenti, affascinanti e resistenti, che caratterizzano i due vini di Casòn Hirschprunn.

UNA VISITA AL CASÒN HIRSCHPRUNN

Chiunque giunga  al maso Casòn Hirschprunn, si sente subito avvolto da una sensazione di quiete e serenità. È lì, nel cosiddetto “Paradeis”, che nel 1998 abbiamo trasferito i nostri locali di degustazione e vendita, e da lì partono le visite guidate che conducono i visitatori a conoscere gli edifici storici del podere Hirschprunn, che risalgono in parte al Duecento. La visita comprende anche il parco con gli alberi secolari, che negli ultimi 15 anni abbiamo rivitalizzato mettendo a dimora molte piante rare con una fioritura meravigliosa. Vi invitiamo anche  a visitare con noi i vigneti, di Casòn Hirschprunn, disposti sopra il villaggio di Magrè, che non a caso nella toponomastica storica locale prendono il nome di Paradeis.

LÖWENGANG Chardonnay & LÖWENGANG Cabernet

Il maso Löwengang deve il proprio nome al palazzo signorile omonimo ubicato a Magrè, che dal 1934 è diventato di proprietà della famiglia Lageder.

La biodinamica

La nostra Tenuta punta a un’agricoltura biologico-dinamica che rispetti l’uomo, gli animali e i cicli della natura, e coinvolga tutti questi fattori nella nostra attività.

LA FAMIGLIA Lageder

Già da sei generazioni, la famiglia Lageder si occupa della produzione di vino. Oggi la tenuta viene gestita da Alois ed Alois Clemens Lageder.

Follow Alois Lageder on Instagram